FANDOM


La Riserva Naturale Orientata delle Agoraie è una riserva naturale posta sul versante nord-ovest del Monte Aiona, in val d'Aveto (Appennino Ligure). Essa è divisa in due zone recintate: la più grande (circa 15 ettari) comprende i sei Laghi delle Agoraie (Lago Agoraie di Sopra, Lago Azzurro, Lago degli Abeti, Lago Agoraie di Mezzo, Lago Riondo e Lago Agoraie di Fondo), mentre una più piccola (circa 1 ettaro) si trova più a ovest e comprende il solo Lagastro.

StoriaModifica

Già nel 1957, dopo una serie di studi effettuati dal prof. Cagnolaro, venne fatta una prima proposta per proteggere questi laghetti, che prevedeva la creazione di un Parco Naturale dell'Aiona e del Penna. L'iniziativa non ebbe buon esito, e sembrava che dovesse naufragare quando nel 1960 venne riproposta la tutela dei laghetti, ridimensionando il progetto a due riserve naturali che avrebbero protetto i corpi lacustri più interessanti.

Così nel 1970 vennero create le due riserve integrali delle Agoraie e del Moggetto. Le due riserve erano "integrali", cioè l'accesso era impedito a tutti, anche alle guardie forestali, in modo da impedire qualsiasi modifica di origine antropica alla zona.

Però, per l'interramento naturale dei laghetti, per la proliferazione delle piante palustri e per altri motivi, ci si accorse che gli specchi d'acqua si stavano trasformando in prato. Così, nel 1986 si decise di trasformare le riserve da "integrali" a "orientate", cioè riserve dove fosse possibile effettuare interventi per conservare il paesaggio.

Fauna e floraModifica

Riguardo alla fauna, questi laghetti ospitano varie specie di insetti (oltre alle zanzare e i moscerini, sono presenti libellule anche di specie rare), anfibi (rana temporaria, tritone alpestre, tritone crestato) oltre che trote, immesse negli anni '50 e '60 nei laghetti più profondi per adibirli a riserva di pesca.

Le specie vegetali palustri sono costituite in gran parte da "relitti glaciali", piante che, giunte più a sud durante la glaciazione, sono rimaste con pochi esemplari in zone a loro idonee: si hanno quindi varie specie di carici (rostrata, fosca e vescicosa), trifoglio d'acqua, nasturzio d'Islanda, specie che raggiungono anche i 72° di latitudine nord, e che alle Agoraie si trovano a poca distanza dal mite Mar Mediterraneo. Altre specie importanti sono il licopodio inondato e lo sfagno fosco, diffusi nelle Alpi ma presenti nell'Appennino solo nella Riserva delle Agoraie.

Vie d'accessoModifica

Si raggiunge in automobile Rezzoaglio (da Genova, Chiavari o Piacenza), da dove si sale a Magnasco e poco dopo a destra per il Lago delle Lame. Lasciata l'automobile si risale la stradetta forestale sbarrata che porta all'ingresso della Riserva delle Agoraie. Questa è visitabile solo per motivi scientifici o didattici con l'autorizzazione del Corpo Forestale dello Stato.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale